Cammino delle Dolomiti

Tutte le tappe del Cammino delle Dolomiti

Pagina 1 di 4

Ispirato al Cammino di Santiago, il Cammino delle Dolomiti è un lungo itinerario ad anello che in trenta tappe e circa 300 chilometri portano a scoprire i luoghi più rilevanti per testimonianze artistiche e storiche della provincia di Belluno. Evitando le grandi arterie di traffico e privilegiando le antiche mulattiere e le strade di montagna si raggiungono gli angoli più nascosti e meno conosciuti dai turisti. Il percorso si rivolge a tutti, con tappe talvolta impegnative per la loro lunghezza ma sempre sicure, che non richiedono attitudini alpinistiche, quindi adatte anche ai gruppi e alle famiglie. Tutte le sedi di tappa si trovano in luoghi con adeguate strutture di ristoro e pernottamento.


TAPPA N. 1
Punto di partenza: Santuario SS. Vittore e Corona (341 m)
Punto d'arrivo: Facen (436 m)
Difficoltà: E - Escursionistico
Dislivello: 300 m circa
Tempo di percorrenza: ore 4 circa
Periodo consigliato: marzo / novembre (ma percorribile tutto l'anno)
Descrizione: è una tappa breve e senza dislivelli significativi. Si attraversa l'interessante cittadina di Feltre, che di certo merita una visita, quindi si procede verso Stella Maris. Poi, per una carrareccia, si arriva all'abitato di Teven e, su strada, si sale sino ad arrivare, dopo avere attraversato il paese di Travagola, a Facen.


TAPPA N. 2
Punto di partenza: Facen (436 m)
Punto d'arrivo: Cima Loreto (903 m)
Difficoltà: E - Escursionistico
Dislivello in salita: 1000 m circa
Dislivello in discesa: 500 m circa
Tempo di percorrenza: ore 5/6 circa
Periodo consigliato: maggio / ottobre
Descrizione: il percorso si sviluppa quasi interamente su sentieri e carrarecce. Si sale sino al santuario dei SS. Tiburzio e Susanna, dove si impone una sosta per godere del formidabile panorama sulla Val Belluna, quindi, seguendo per un lungo tratto il sentiero delle Chiesette Pedemontane, si continua a salire. Tra vasti pascoli e boschi si arriva a malga Campét (1412 m) e malga Campon (1454 m), quindi si inizia a scendere sino a Cima Loreto.


TAPPA N. 3
Punto di partenza: Cima Loreto (903 m)
Punto d'arrivo: Passo Croce d'Aune (1015 m)
Difficoltà: E - Escursionistico
Dislivello in salita: 900 m circa
Dislivello in discesa: 600 m circa
Tempo di percorrenza: ore 6-7 circa
Periodo consigliato: marzo / novembre (soprattutto l'autunno)
Descrizione: il percorso si sviluppa quasi interamente su sentieri e carrarecce. Tappa di media lunghezza con tratti di discesa e di salita con forte pendenze. Lungo il percorso si incontrano diverse chiese con importanti opere lignee e affreschi.


TAPPA N. 4
Punto di partenza: Passo Croce d'Aune (1015 m)
Punto d'arrivo: Arson (530 m)
Difficoltà: E - Escursionistico
Dislivello: 600 m circa, prevalentemente in discesa
Tempo di percorrenza: ore 6 circa
Periodo consigliato: marzo / novembre (soprattutto l'autunno)
Descrizione: il percorso si sviluppa quasi interamente su sentieri e carrarecce con ampi tratti in costa o pianeggianti. I tratti su strada asfaltata sono brevi. Scendendo dal passo Croce d'Aune si attraversano splendidi boschi dove non è raro l'incontro con animali. Il percorso segue una parte del sentiero tematico “Chiesette pedemontane”, itinerario proposto dal Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi che collega i luoghi di antica devozione religiosa lungo la fascia pedemontana della Val Belluna.


TAPPA N. 5
Punto di partenza: Arson (530 m)
Punto d'arrivo: Col Cumano (382 m)
Difficoltà: E - Escursionistico
Dislivello: 300 m circa
Tempo di percorrenza: ore 6 circa
Periodo consigliato: aprile / novembre
Descrizione: il percorso si sviluppa solo in parte su sentieri e carrarecce mentre sono di più i tratti su asfalto, anche se su stradine secondarie. Da Arson a Cullogne segue esattamente l’itinerario del sentiero tematico “Chiesette pedemontane”. Nei pressi della chiesetta di S. Eurosia solchi scavati nella roccia testimoniano la presenza di un’antica via di comunicazione, probabilmente la via romana Claudia Augusta Altinate.


TAPPA N. 6
Punto di partenza: Col Cumano (382 m)
Punto d'arrivo: Sospirolo (475 m)
Difficoltà: E - Escursionistico
Dislivello in salita: 300 m circa
Dislivello in discesa: 200 m circa
Tempo di percorrenza: ore 3-4 circa
Periodo consigliato: aprile / novembre (ma percorribile tutto l'anno)
Descrizione: il percorso si sviluppa prevalentemente su strade asfaltate e solo in piccola parte su ampie carrarecce. Particolarmente gradevole il paesaggio rurale dell’intera tappa. Una volta a Paderno si consiglia una visita ai cosiddetti “Castelli”, due meravigliose ville del XVII secolo, e alla chiesetta parrocchiale dedicata a San Lucano.


TAPPA N. 7
Punto di partenza: Sospirolo (475 m)
Punto d'arrivo: Val Imperina (530 m)
Difficoltà: EE - Escursionistico per Esperti
Dislivello in salita: 400 m circa
Dislivello in discesa: 400 m circa
Lunghezza del percorso: km 21 circa
Tempo di percorrenza: ore 8-9 circa
Periodo consigliato: marzo / novembre
Descrizione: tappa piuttosto lunga con due passaggi su sentiero attrezzato con fune metallica sconsigliati ai bambini. Si deve attraversare il greto di un piccolo affluente del Cordevole che può risultare particolarmente difficoltoso se non addirittura impraticabile in caso di abbondanti piogge. Di straordinario interesse lungo il percorso la Certosa di Vedana, grande complesso monastico costruito nel XV secolo e tuttora sede di una comunità di monache di clausura, e la chiesa di San Gottardo, del XVI secolo.


TAPPA N. 8
Punto di partenza: Val Imperina (530 m)
Punto d'arrivo: Col di Prà (866 m)
Difficoltà: E - Escursionistico
Dislivello: 350 m circa
Tempo di percorrenza: ore 5-6 circa
Periodo consigliato: maggio / ottobre
Descrizione: tappa di media lunghezza, senza difficoltà particolari. Si attraversa la conca di Agordo che offre splendidi panorami dolomitici su Framont e Moiazza. Da non perdere, nella piazza principale di Agordo, la monumentale chiesa arcidiaconale che conserva interessanti opere d'arte. Di straordinaria bellezza l'ambiente naturale della Valle di San Lucano.