Valle di Ledro

Gorg d'Abiss

© Testo e foto: Franco VOGLINO e Annalisa PORPORATO
cod. 004

MOTIVI DI INTERESSE
Semplice passeggiata ad una cascata che potrebbe essere benissimo dimora di gnomi, folletti o altri esseri fatati: un getto d’acqua che scaturisce direttamente dalle rocce in un affranto suggestivo e unico!
LOCALITÀ DI PARTENZA E DI ARRIVO
Tiarno di Sotto, park in fondo a Via al Molino (Via Vsen) (744 m slm) – Gorg d’Abiss (865 m slm)
DIFFICOLTÀ
T - Turistico
DISLIVELLO
125 metri
DISTANZA
1,5 km circa andata e ritorno
TEMPO DI PERCORRENZA
20 minuti
TIPOLOGIA DI PERCORSO
Sterrata e sentiero
SEGNALETICA
Assente
PERIODO CONSIGLIATO
Tutto l’anno, in particolare d’autunno per il colore delle foglie.
COME ARRIVARE
Valle di Ledro (Trentino) – A4 Milano-Venezia, uscita Brescia Est, direzione Madonna di Campiglio/Val Sabbia fino a Storo. Da qui indicazioni per Valle Ledro. In alternativa seguire la A22 direzione Brennero, uscita Rovereto Sud, direzione Mori/Arco di Trento. Raggiunta Riva del Garda seguire le indicazioni per Valle di Ledro. A Tiarno di Sotto entrare in paese e prendere Via alla Sega e quindi Via al Molino (cartelli “cascata Gorg d’Abiss”). Parcheggio al termine della strada.
DESCRIZIONE
Facile passeggiata che prende il via dal parcheggio, si passa accanto all’antico Mulino dei Bugatini (privato) e si prosegue sulla sterrata che sale graduale in mezzo al bosco costeggiando il Rio Massangla. Si supera una croce e in pochi metri si giunge ad un passaggio su un canale intubato parallelo al torrente. Dietro una curva, ecco apparire il magico getto della cascata Gorg d’Abiss. Attenzione: il tragitto passa in parte su terreni privati, siate cortesi e non danneggiate alcunché.
PER SAPERNE DI PIÙ
Tiarno di Sotto è noto anche come “il paese dei signori” per via delle numerose case signorili costruite in un periodo in cui gli affari con la ricca Venezia portavano non pochi benefici. Vi si trovavano, infatti, ben sette segherie, una fucina e due mulini. Il campanile della chiesa è alto 72 metri, il secondo più alto del Trentino!
CONSIGLI PER I BABY ESCURSIONISTI
L’unico punto in cui fare attenzione è l’ultimo tratto, sul canale intubato. Il passaggio è facile ma un poco esposto, attenzione d’inverno per la possibile presenza di ghiaccio. Tragitto accessibile a passeggini di tipo sportivo ma solo fino all’inizio del canale intubato.





Franco Voglino e Annalisa Porporato sono fotografi e appassionati trekker che collaborano con riviste del settore outdoor e viaggi. Amano viaggiare in modo autonomo realizzando immagini con i ritmi lenti del cammino. In questi anni hanno realizzato reportage in diversi paesi del mondo. Inoltre hanno documentato, tra l'altro, il Cammino di Santiago, il Sentiero del Re (a nord del circolo polare artico) e il lungo sentiero della West Highland Way (Scozia). Con la nascita della piccola Nora si sono specializzati in itinerari “famiglia”, sviluppando percorsi a “misura di bimbo”. Hanno pubblicato diverse guide per baby trekker e non solo. Per approfondimenti sui nuovi progetti e su tutte le pubblicazioni realizzate potete consultare il sito internet: www.madotao.it

ACQUISTA LE GUIDE ONLINE ● Sconto 15%

SCRITTA DAGLI AUTORI DELL'ARTICOLO


A piccoli passi in Val d'Aosta
Itinerari per baby trekker da 0 a 5 anni

Annalisa Porporato - Franco Voglino

I bambini hanno ritmi, interessi ed esigenze diverse dagli adulti. Ecco dunque in questa guida 40 escursioni adatte a loro, nella straordinaria natura della Val d'Aosta. Sentieri brevi e semplici per portarli alla scoperta del camminare, in piena sicurezza e con grande divertimento di tutta la famiglia.

ALTRO DEGLI STESSI AUTORI

PARCO DELL'AVETO
Quadrivio della Crocetta

Franco VOGLINO e Annalisa PORPORATO


PARCO DELLA MAIELLA
Itinerari a misura di bimbo tra lupi, orsi, montagne e santi eremiti

Franco VOGLINO e Annalisa PORPORATO


ALPI MARITTIME
Sulle orme del lupo

Franco VOGLINO e Annalisa PORPORATO


TREKKING IN LAPPONIA
200 chilometri a nord del Circolo Polare Artico

Franco VOGLINO e Annalisa PORPORATO