Valle di Ledro

Sentiero del Ponale

© Testo e foto: Franco VOGLINO e Annalisa PORPORATO
cod. 002

MOTIVI DI INTERESSE
Un viaggio dalla montagna al lago, passeggiata facile che porta lungo la Valle di Ledro fino a magnifici scorci sul Lago di Garda. Un itinerario che si svolge a rovescio: tutto in discesa all’andata, e in salita al ritorno. I paesaggi e la vista sul lago di Garda sono davvero unici e imperdibili!
LOCALITÀ DI PARTENZA E DI ARRIVO
Imbocco della galleria tra Biacesa e Pregasina (315 m slm circa) – Antica strada tra la Val di Ledro e Riva del Garda (80 m slm circa)
DIFFICOLTÀ
T - Turistico
DISLIVELLO
235 metri circa
DISTANZA
1,5 km circa solo andata
TEMPO DI PERCORRENZA
20 minuti solo andata (considerare che il ritorno è tutto in salita!)
TIPOLOGIA DI PERCORSO
Sterrate, mulattiera e asfalto
SEGNALETICA
Cartelli della ciclabile “Sentiero del Ponale Giacomo Cis D01”
PERIODO CONSIGLIATO
Tutto l’anno
COME ARRIVARE
Valle di Ledro (Trentino) – A4 Milano-Venezia, uscita Brescia Est, direzione Madonna di Campiglio/Val Sabbia fino a Storo. Da qui indicazioni per Valle Ledro. In alternativa seguire la A22 direzione Brennero, uscita Rovereto Sud, direzione Mori/Arco di Trento. Raggiunta Riva del Garda seguire le indicazioni per Valle di Ledro. Appena usciti dalla lunga galleria seguire le indicazioni per Pregasina. Prima dell’imbocco di una nuova galleria piccolo parcheggio a sinistra.
DESCRIZIONE
Dal piccolo parcheggio seguire un piccolo tratto di asfaltata in direzione della galleria e deviare subito lungo la sterrata a sinistra che scende in modo graduale, costeggia un edificio di pietra (una “calchèra”, ossia un forno per la produzione di calce), e giunge alla base di un pilone. Da qui si apre già una bella vista sul sottostante Lago di Garda. Da questo punto il tracciato si fa più ripido e scende in modo deciso lungo una vecchia mulattiera rocciosa. Se prestate attenzione, si noteranno in alcuni punti i segni paralleli del passaggio di carri e, in un tratto, delle profonde incisioni scavate nella roccia per creare un appoggio agli zoccoli dei muli che risalivano carichi di merci. Al termine della mulattiera si giunge alla strada asfaltata che arriva da Pregasina, e si segue la segnaletica verso sinistra percorrendola in una discesa quasi impercettibile fino ad un trivio. Da sinistra giunge la vecchia strada che univa la Valle di Ledro a Riva del Garda prima della costruzione della lunga galleria (strada assai tortuosa, adatta proprio a chi pativa la macchina…). Si segue invece la strada a destra che supera una sbarra e punta ai ruderi di un vecchio ristorante. Poco oltre, quando la strada asfaltata comincia a cedere il passo alla strada sterrata, ci si può fermare all’altezza di un complesso roccioso dalla cui sommità si spalanca una magnifica vista sul lago e i suoi dintorni.
Variante: è possibile percorrere tutto l’itinerario lungo la Strada del Ponale Giacomo Cis fino a Riva del Garda, e da qui tornare con un autobus. In questo caso il dislivello è praticamente solo in discesa e si percorrono 5 km totali, solo di andata.
PER SAPERNE DI PIÙ
Giacomo Cis, cui è intitolato il Sentiero del Ponale, era nativo di Bezzecca e abile commerciante. Il suo nome è legato alla Strada del Ponale, che volle con tutte le sue forze. Infatti, la Valle di Ledro era alquanto isolata proprio per la mancanza di una strada carrozzabile. Strada che venne costruita tra il 1848 ed il 1851, collegando finalmente la Valle con Riva, l’Alto Garda ed il resto del Trentino. Il Ponale aveva sempre rappresentato un importante punto di comunicazione tra la Valle di Ledro ed il Lago di Garda, essendo assenti strade carrozzabili. Le prime attestazioni risalgono nientemeno che al 1192! Con la costruzione della carrozzabile voluta da Giacomo Cis, il porto e la mulattiera che ad esso conduceva cessarono di importanza.
CONSIGLI PER I BABY ESCURSIONISTI
Poco oltre il roccione panoramico inizia una delle gallerie che punteggiano questa strada. Volendo, si può allungare leggermente il tragitto così da percorrerne un tratto e vivere una piccola avventura al buio assieme ai propri piccoli (non è completamente buia e non è necessaria la torcia elettrica). Lungo il tratto parallelo al lago è necessario prestare attenzione al passaggio delle biciclette che, in alcuni periodi dell’anno, può essere assai frequente. Itinerario percorribile con passeggini percorrendo non la mulattiera ma proseguendo oltre la galleria tra Biacesa e Pregasina. Appena usciti dall’imbocco, direzione Pregasina, si prende la stradina asfaltata che scende, con circa 210 metri di dislivello e 3,5 km solo andata.





Franco Voglino e Annalisa Porporato sono fotografi e appassionati trekker che collaborano con riviste del settore outdoor e viaggi. Amano viaggiare in modo autonomo realizzando immagini con i ritmi lenti del cammino. In questi anni hanno realizzato reportage in diversi paesi del mondo. Inoltre hanno documentato, tra l'altro, il Cammino di Santiago, il Sentiero del Re (a nord del circolo polare artico) e il lungo sentiero della West Highland Way (Scozia). Con la nascita della piccola Nora si sono specializzati in itinerari “famiglia”, sviluppando percorsi a “misura di bimbo”. Hanno pubblicato diverse guide per baby trekker e non solo. Per approfondimenti sui nuovi progetti e su tutte le pubblicazioni realizzate potete consultare il sito internet: www.madotao.it

ACQUISTA LE GUIDE ONLINE ● Sconto 15%

SCRITTA DAGLI AUTORI DELL'ARTICOLO


A piccoli passi in Val d'Aosta
Itinerari per baby trekker da 0 a 5 anni

Annalisa Porporato - Franco Voglino

I bambini hanno ritmi, interessi ed esigenze diverse dagli adulti. Ecco dunque in questa guida 40 escursioni adatte a loro, nella straordinaria natura della Val d'Aosta. Sentieri brevi e semplici per portarli alla scoperta del camminare, in piena sicurezza e con grande divertimento di tutta la famiglia.

ALTRO DEGLI STESSI AUTORI

PARCO DELL'AVETO
Quadrivio della Crocetta

Franco VOGLINO e Annalisa PORPORATO


PARCO DELLA MAIELLA
Itinerari a misura di bimbo tra lupi, orsi, montagne e santi eremiti

Franco VOGLINO e Annalisa PORPORATO


ALPI MARITTIME
Sulle orme del lupo

Franco VOGLINO e Annalisa PORPORATO


TREKKING IN LAPPONIA
200 chilometri a nord del Circolo Polare Artico

Franco VOGLINO e Annalisa PORPORATO