Parco della Maiella

Valle Orfento, Ponte del Vallone

© Testo e foto: Franco VOGLINO e Annalisa PORPORATO
cod. 007

MOTIVI DI INTERESSE
Escursione lungo il Vallone dell’Orfento tra gli elementi dominanti della natura: sospesi tra roccia e cielo per sfiorare infine l’acqua. Itinerario a misura di bimbi.
LOCALITÀ DI PARTENZA E DI ARRIVO
Santa Croce di Caramanico Terme (630 m slm) - Ponte del Vallone (595 m slm)
DIFFICOLTÀ
E/F/2 biberon
DISLIVELLO
160 metri circa
DISTANZA
5 km circa, giro circolare
TEMPO DI PERCORRENZA
3 ore giro circolare
TIPOLOGIA DI PERCORSO
Sentiero
SEGNALETICA
Cartelli
PERIODO CONSIGLIATO
Tutto l’anno in assenza di neve
COME ARRIVARE
A25 Roma-Pescara, uscita Alanno-Scafa, direzione San Valentino e Caramanico Terme. Entranti in Caramanico si passa davanti alle Terme e si raggiunge il centro, si prende quindi a sinistra per Via Roma. Al bivio si prosegue dritti arrivando alla Via del Vivaio, sulla sinistra, che porta alla Casa del Parco. Si consiglia di non girare qui ma di proseguire un poco fino al parcheggio sulla sinistra, e quindi tornare indietro sulla strada appena fatta per andare a registrarsi alla Casa del Parco.
INFO
Come per ogni escursione all’interno della Riserva Naturale dell’Orfento, anche per questa passeggiata è obbligatorio registrarsi presso il Posto Fisso Forestale di Caramanico Terme, c/o il Centro Visite in via del Vivaio n. 3, tel. 085.92.20.84 (registrazione gratuita).
PER SAPERNE DI PIÙ
Della valle è visitabile la sola parte bassa poiché l’alta valle è preclusa a qualsiasi visitatore poiché è riserva integrale, a protezione della lontra.
DESCRIZIONE
Dal parcheggio si riprende la strada asfaltata verso la chiesetta, piegando subito a sinistra verso un vistoso cartello didattico. Si segue quindi il sentiero sulla sinistra del cartello che, inizalmente in piano, passa alle spalle della terrazza di un albergo e con andamento irregolare e un’ultima breve salita conduce ad un primo punto panoramico sulla sottostante valle. Si prosegue in salita dentro il bosco oltrepassando un piccolo acquitrino e un vecchio ponticello, arrivando ad un secondo punto di vista che anticipa uno stretto passaggio nell’intaglio della roccia: un affascinante passo da “agguato degli indiani” (660 m slm circa). Da qui inizia la discesa graduale che tagliando la pendice della montagna a mezzacosta fa scendere ad un ponte di pietra. Si segue sempre la segnaletica per “Ponte del Vallone”. Un’ultima discesa un poco più decisa porta alla magnifica insenatura del Ponte del Vallone. Attraversato il ponte, si prende il sentiero a sinistra (cartello “Scalelle – Ponte di Caramanico”), percorrendo il vallone a rovescio, sull’altro lato del fiume. Il passaggio è quasi sempre nel bosco, sempre il leggera discesa. Da notare la ricca presenza di fichi, e altri alberi da frutta. Si supera il fiume sul Ponte di San Cataldo, antico passaggio in pietra, salendo gradualmente fino ad un vistoso incrocio. Si prosegue in salita (cartello “Scalelle”) giungendo nuovamente al parcheggio.
Variante: volendo, da quest’ultimo incrocio è possibile scendere (cartello “Ponte di Caramanico”) toccando nuovamente il fiume Orfento, unendo questo itinerario a quello denominato “Valle Orfento, Le Scalelle”. In tal caso, il dislivello totale è di 120 metri, la distanza totale di 7 km, calcolando almeno 4 ore di cammino ed una difficoltà EE/I/3 biberon.
A PASSO DI BIMBO
Itinerario esposto in alcuni brevi tratti, ma senza presentare grosse difficoltà. La zona attorno al Ponte del Vallone ha un grande fascino per i baby escursionisti, ma attenti alle pietre presso la corrente che possono essere particolarmente scivolose.



Franco Voglino e Annalisa Porporato sono fotografi e appassionati trekker che collaborano con riviste del settore outdoor e viaggi. Amano viaggiare in modo autonomo realizzando immagini con i ritmi lenti del cammino. In questi anni hanno realizzato reportage in diversi paesi del mondo. Inoltre hanno documentato, tra l'altro, il Cammino di Santiago, il Sentiero del Re (a nord del circolo polare artico) e il lungo sentiero della West Highland Way (Scozia). Con la nascita della piccola Nora si sono specializzati in itinerari “famiglia”, sviluppando percorsi a “misura di bimbo”. Hanno pubblicato diverse guide per baby trekker e non solo. Per approfondimenti sui nuovi progetti e su tutte le pubblicazioni realizzate potete consultare il sito internet: www.madotao.it

ACQUISTA LE GUIDE ONLINE ● Sconto 15%


A piccoli passi
Itinerari per baby trekker da 0 a 5 anni

Annalisa Porporato - Franco Voglino

I bambini hanno ritmi, interessi ed esigenze diverse dagli adulti. Corredate da piccoli consigli utili, ecco in questa guida 40 escursioni adatte a loro. Sentieri brevi e semplici per portarli alla scoperta del camminare e dell'outdoor in piena sicurezza divertendosi. In questo volume la regione protagonista è il Piemonte.



MADONIE A PIEDI
24 itinerari escursionistici nelle "Alpi di Sicilia"

Vincenzo Anselmo

Nella guida, ampiamente illustrata con fotografie ricercate e di grande effetto, troverete tutto quello che c'è da sapere per mettersi in cammino e scoprire i luoghi più affascinanti delle Madonie, una delle aree protette di maggiore pregio naturalistico, paesaggistico e storico-culturale della Sicilia.

ALTRO DEGLI STESSI AUTORI

PARCO DELL'AVETO
Quadrivio della Crocetta

Franco VOGLINO e Annalisa PORPORATO


VAL DI LEDRO "slow foot"...
cioè a passo di bimbo

Franco VOGLINO e Annalisa PORPORATO


ALPI MARITTIME
Sulle orme del lupo

Franco VOGLINO e Annalisa PORPORATO


TREKKING IN LAPPONIA
200 chilometri a nord del Circolo Polare Artico

Franco VOGLINO e Annalisa PORPORATO