Parco della Maiella

Fonte Lama Bianca

© Testo e foto: Franco VOGLINO e Annalisa PORPORATO
cod. 004

MOTIVI DI INTERESSE
Itinerario attrezzato per disabili con un percorso graduale che attraversa un affascinante bosco di faggi.
LOCALITÀ DI PARTENZA E DI ARRIVO
Parcheggio per Fonte della Fratta (1140 m slm circa) – Fonte Lama Bianca (1250 m slm circa)
DIFFICOLTÀ
T/MF/1 biberon
DISLIVELLO
160 metri circa
DISTANZA
4 km circa solo andata
TEMPO DI PERCORRENZA
1 ora e 30 minuti solo andata
TIPOLOGIA DI PERCORSO
sterrata, strada asfaltata
SEGNALETICA
Cartelli
PUNTI DI APPOGGIO Aree attrezzate con tavolini e barbecue presso Fonte della Fratta e presso Fonte Lama Bianca – piccolo rifugio presso la Fonte Lama Bianca (non gestito, info CAI Pescara 085.54.621 e Centro Visitatori di Caramanico Terme tel. 085.92.20.84)
PERIODO CONSIGLIATO
Da maggio a ottobre, in particolare la primavera per le fioriture nel sottobosco, e l’autunno per i colori.
COME ARRIVARE
A25 Roma-Pescara, uscita Alanno-Scafa, si segue la direzione San Valentino-Caramanico-Santa Eufemia a Maiella. Da qui seguire la direzione per Sulmona, quindi attenzione ai cartelli a sinistra per “Riserva Naturale Fonte Lama Bianca”
PER SAPERNE DI PIÙ
Istituita nel 1987, la Riserva prende il nome dallo scosceso pendio (detto, per l’appunto, “lama”) di roccia calcarea (di colore bianco, quindi) che si trova all’interno del suo territorio.
DESCRIZIONE
Dalla strada asfaltata (1140 m slm circa) si segue la sterrata e la segnaletica “Fonte della Fratta”. Poche centinaia di metri e si arriva all’area attrezzata di Fonte della Fratta (1171 m slm). Da qui un vistoso pannello segna l’inizio dell’itinerario per la Fonte Lama Bianca che si raggiunge lungo un ampio sentiero in terra battuta, sempre affiancato da staccionate. Il sentiero si innalza con ampie curve, sempre graduale e con pendenza costante. Si cammina nel bosco di faggi e si superano alcune radure con belle fioriture in stagione. Giunti ad un bivio (1273 m slm) si ignora il cartello a sinistra per “Fonte Cafaggio” e si prosegue dritti, giungendo in poche decine di metri ad un’area pic-nic attrezzata con tavolini (2,5 km circa da Fonte della Fratta). Si continua a seguire il mancorrente giungendo alla fonte e al piccolo rifugio (1250 m slm). Da qui si continua a seguire il mancorrente sulla destra rispetto il rifugio, salendo di poco e raggiungendo una vistosa sterrata che porta alla strada asfaltata (1300 m slm circa, 1 km scarso). Si percorrono ora circa quattro chilometri di asfalto in discesa fino a raggiungere il punto di partenza.
Variante: seguendo il cartello “Fonte Cafaggio” si percorre un anello che riporta all’area attrezzata di Fonte della Fratta.
A PASSO DI BIMBO
Il tragitto non presenta nessuna difficoltà ed è percorribile anche con passeggini di tipo sportivo.



Franco Voglino e Annalisa Porporato sono fotografi e appassionati trekker che collaborano con riviste del settore outdoor e viaggi. Amano viaggiare in modo autonomo realizzando immagini con i ritmi lenti del cammino. In questi anni hanno realizzato reportage in diversi paesi del mondo. Inoltre hanno documentato, tra l'altro, il Cammino di Santiago, il Sentiero del Re (a nord del circolo polare artico) e il lungo sentiero della West Highland Way (Scozia). Con la nascita della piccola Nora si sono specializzati in itinerari “famiglia”, sviluppando percorsi a “misura di bimbo”. Hanno pubblicato diverse guide per baby trekker e non solo. Per approfondimenti sui nuovi progetti e su tutte le pubblicazioni realizzate potete consultare il sito internet: www.madotao.it

ACQUISTA LE GUIDE ONLINE ● Sconto 15%


A piccoli passi
Itinerari per baby trekker da 0 a 5 anni

Annalisa Porporato - Franco Voglino

I bambini hanno ritmi, interessi ed esigenze diverse dagli adulti. Corredate da piccoli consigli utili, ecco in questa guida 40 escursioni adatte a loro. Sentieri brevi e semplici per portarli alla scoperta del camminare e dell'outdoor in piena sicurezza divertendosi. In questo volume la regione protagonista è il Piemonte.



MADONIE A PIEDI
24 itinerari escursionistici nelle "Alpi di Sicilia"

Vincenzo Anselmo

Nella guida, ampiamente illustrata con fotografie ricercate e di grande effetto, troverete tutto quello che c'è da sapere per mettersi in cammino e scoprire i luoghi più affascinanti delle Madonie, una delle aree protette di maggiore pregio naturalistico, paesaggistico e storico-culturale della Sicilia.

ALTRO DEGLI STESSI AUTORI

PARCO DELL'AVETO
Quadrivio della Crocetta

Franco VOGLINO e Annalisa PORPORATO


VAL DI LEDRO "slow foot"...
cioè a passo di bimbo

Franco VOGLINO e Annalisa PORPORATO


ALPI MARITTIME
Sulle orme del lupo

Franco VOGLINO e Annalisa PORPORATO


TREKKING IN LAPPONIA
200 chilometri a nord del Circolo Polare Artico

Franco VOGLINO e Annalisa PORPORATO